+39 334 8074306 staff@mentalfootball.it

La storia del calcio femminile: English Women’s Game

La storia è la più importante delle nostre insegnanti perché ci aiuta a guardare il futuro con più consapevolezza e maturità.

La storia del calcio femminile comincia tra fabbriche, rivolte e stadi inglesi, proprio come raccontato su The English Game.
L’omonima serie tv, regalata da Netflix che ha reso omaggio allo sviluppo del calcio moderno e all’avvento dei primi giocatori professionisti.

The English Game, distribuito da Netflix
The English Game, distribuito da Netflix

The English Women’s Game

La storia del calcio femminile cominciò nell’Inghilterra di fine ‘800, dove nelle pause pranzo, le operaie cominciavano a dare qualche calcio al pallone.

La prima guerra mondiale

Con uomini e mariti al fronte, ci fu un incremento di donne operaie nelle fabbriche tessili e di munizioni. Le operaie soffrivano la situazione che la guerra trascinava nelle loro vite, l’ansia di non poter riabbracciare un marito, un padre.

La rivoluzione nel pallone

Un pallone abbandonato in cortile dagli uomini, acquistò un significato importante quando giocare diventò un appuntamento quotidiano per le ragazze della Dick, Keer & CO., azienda tessile di Preston.

La Dick, Kerr Ladies Football Club

Nel 1917 si formò ufficialmente la prima squadra di calcio femminile, formata esclusivamente da donne, “le signore del Kerr”. Le prime partite ufficiali furono delle amichevoli organizzate con altre squadre aziendali locali a scopo benefico. Nel 1920 ci fu la prima partita internazionale, dove le Kerr Ladies uscirono vittoriose per 2-0 contro una selezione femminile francese, nello stadio di Preston davanti a 25mila spettatori.

Keer Ladies record

Nel 1920, durante un particolare Boxing Day si registrarono 53mila spettatori a Goodison Park (stadio dell’Everton, a Liverpool), per una sfida fra il Dick Kerr Ladies e St. Helen Ladies.

Sfilata delle LADIES nelle strade di Preston
Sfilata delle LADIES nelle strade di Preston

Il rifiuto della Federazione

Il movimento delle ragazze in “gonnella”, chiamate così perché giocavano con gonne pesanti e corsetti, era in forte crescita in Inghilterra, Scozia e Francia. Purtroppo però la concezione della donna dell’epoca non le permetteva troppe libertà, per questo la Federazione Inglese vietò il gioco del calcio alle donne negli stadi inglesi.

“the game of football is unsuitable for females and should not be encouraged”

Football Association

Il secondo dopoguerra e la nascita delle federazioni

Dopo la seconda guerra mondiale e la ripresa dei vari Stati Europei, il calcio femminile si diffonde in Germania, Norvegia e Svezia.
Dal 1971 gli stadi inglesi furono nuovamente aperti alle donne.
L’avvento dell’epoca sportiva moderna ha portato inoltre ad uno sviluppo ed un organizzazione delle varie federazioni femminili Europee e Mondiali.

La storia del calcio femminile Italia?

In Italia il primo movimento femminile nacque a Milano nel 1933, chiamato Gruppo Femminile Calcistico che vedeva una squadra di una trentina di ragazze tra i 15 e 20 anni.

Gruppo Femminile Calcistico di Milano
Gruppo Femminile Calcistico di Milano

Analogia con la storia inglese: queste ragazze venivano da ceti ed istruzione operaia; la differenza però, è che le italiane giocavano con una sottana al posto di gonne pesanti e corsetti.

La propaganda fascista, il Coni e poi la guerra non permisero lo sviluppo del calcio femminile. Bisogna attendere il 1946 quando nacquero la Triestina e il San Giusto a Trieste, e successivamente, quattro anni dopo, a Napoli, venne fondata l’Associazione Italiana calcio femminile (AICF), con l’adesione di diverse società.

Il primo campionato

L’anno 1968 è comunemente indicato come l’anno zero per il calcio femminile perché nasce la FICF (Federazione Italiana Calcio Femminile).

Il primo storico scudetto se lo aggiudica il Genova Calcio Femminile.

Il Genova Calcio Femminile festeggia il suo primo storico scudetto
Il Genova Calcio Femminile festeggia il suo primo storico scudetto

Dai primi anni 70, la ricerca di una stabilità federale accompagna le modalità di fare calcio femminile in Italia, fino ad arrivare alla FIGC nella gestione dei campionati di A e B e LND per i campionati dilettantistici regionali.

Vuoi contribuire alla storia del calcio femminile? Mental Football ti aspetta!!!

Rimani aggiornato sulla pagina facebook MF Rosa e sul canale You Tube Mf Rosa.

Related Posts

Leave a Reply