+39 334 8074306 staff@mentalfootball.it

Allenare la tattica nella scuola calcio

“Come? Ho letto bene?”, starai pensando.
Allenare la tattica nella scuola calcio?!?
Una frase che – estrapolata dal contesto del discorso – risulta sconveniente e inappropriata o quanto meno fuori luogo.

La tattica è strategia per risolvere problemi di gioco, individuali o collettivi. Tattica è retaggio della cultura sportiva del paese in cui la si cerca di insegnare. In un mondo sempre più “globale” e senza confini (per lo meno apparenti, perché in questo esatto momento ne stanno progettando uno in cemento lungo oltre 3.000 km tra Messico e Stati Uniti) i modelli di gioco nazionali stanno lentamente scomparendo per lasciare il posto a una filosofia di gioco d’attacco e propositiva.

Il progetto “Fifa Grassroots” ha stabilito un protocollo per insegnare la tattica nella scuola calcio in un modo “adatto e vicino al giovane calciatore”.
Vediamone insieme le caratteristiche.

Come allenare la tattica nella scuola calcio: norme generali

allenare la tattica nella scuola calcio

Insegnare la tattica nella scuola calcio è un compito molto importante che prevede istruttori formati e preparati al dettaglio sui contenuti e l’utilizzo di metodologie di insegnamento adatte all’età dei giovani partecipanti.

Ecco alcuni semplici accorgimenti:

  • Permettere ai bambini di giocare liberamente in situazioni di gioco a ranghi ridotti (Small Sided Games);
  • Fornire contenuti (tattica intesa come strumento per risolvere problemi di gioco);
  • Creare situazioni di gioco vere e pertinenti ai diversi momenti della partita (giochi a tema);
  • Strutturare situazioni di attacco vs difesa in cui le indicazioni vengono date a un gruppo soltanto, mentre all’altro viene lasciata libera di azione;
  • Partita libera o gioco guidato dalle indicazioni degli allenatori: consigli e feedback durante la partita;

Allenare la tattica nella scuola calcio: comportamenti in partita

allenatore di scuola calcio

Esistono due situazioni in una partita che richiedono comportamenti diversi:

Quando la squadra è in possesso palla:

  • Muoversi e attaccare in avanti;
  • Liberarsi dalla marcatura;
  • Fornire sostegno al portatore;
  • Passaggi, dribbling e tiri.

Quando la squadra non è in possesso della palla:

  • Portare pressione immediata al portatore di palla;
  • Copertura e presa di posizione della squadra al di sotto della palla;
  • Marcamento;
  • Intercetto;
  • 1 contro 1 difensivo: temporeggiamento, contrasto, presa di posizione;

Principi tattici individuali

esordienti fair play elite

Le tattiche di base iniziano a prendere forma non appena un bambino è in grado di capire come assumere una posizione nello spazio aperto.
Nella mente del bambino il gioco resta l’elemento più importante e tutte le sue decisioni e azioni saranno – giustamente – tese verso l’obiettivo principe del calcio: segnare un goal.

Al livello “Grassroots“, che possiamo considerare come le prime categorie della Scuola Calcio (Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini), l’importanza della componente tattica non può essere sovra-stimata. Questo perché nella maggior parte dei casi il bambino non riesce a prevedere le conseguenze a breve termine di una decisione presa qualche istante prima.

Attraverso il gioco – libero o guidato dai feedback dei suoi coaches – il piccolo calciatore fa esperienza, prende decisioni, interagisce con spazio, tempo, compagni e avversari. Esso consente al bambino di sviluppare le proprie capacità percettive e cognitive e a migliorare i suoi “skills” tecnici e motori.

L’importanza di “dare un nome alle cose”

Di conseguenza il movimento con la palla – così come quello senza palla, ma in relazione a essa – getta le prime basi del concetto di “tattica”, se (e soltanto se) ogni gesto, ogni azione viene prontamente sottolineato e interpretato dal formatore.

I feedback del coach aiutano il bambino a dare un nome ” a quello che avviene in campo” e – lentamente – a riconoscerlo. Riconoscere questi elementi spinge il giovane calciatore a muovere i primi passi nella “lettura del gioco” e a ricercare le prime collaborazioni e combinazioni (sviluppi di gioco).

La comprensione e l’utilizzo di elementi condivisi (Gli sviluppi di gioco) permetteranno alla piccola squadrata di creare un gioco fluido e offensivo in modo guidato, teso alla ricerca costante della finalizzazione e del goal.

Pertanto se un giocatore dimostrerà di avere percezioni del gioco errate, parziali o incomplete difficilmente potrà ambire a diventare un giocare “decisivo”.

Allenare la tattica nella scuola calcio: Principi Generali

Poche e semplici indicazioni per stimolare pensieri e comportamenti “tattici” nei giovani calciatori.

  • Tutti i giocatori devono aiutare i propri compagni di squadra. Ciascuno di loro è chiamato a sostenere il proprio compagno e – quando necessario – rimediare al suo errore.
  • Tutti i giocatori partecipano alla fase di attacco.
  • Tutti i giocatori partecipano alla fase di difesa.
  • L’azione difensiva comincia non appena la palla viene persa.

Principali tattiche individuali per attaccare

  1. Gioca il pallone non appena possibile: non lasciare che i tuoi compagni si smarchino del loro avversario per niente. Fa lo stesso anche tu, dopo esserti liberato del pallone. “Gioco e mi muovo”.
  2. Cerca sempre di posizionarti in modo da essere lontano dai tuoi avversari, ma allo stesso tempo in una posizione utile al gioco.
  3. Gioca e muoviti per: -aiutare il tuo compagno a sostegno, -aiutare il tuo compagno in appoggio, – attaccare la profondità.
  4. Evita i “duelli” inutili: è sempre meglio liberarsi di un avversario velocemente, magari trasmettendo il pallone a un compagno meglio posizionato. Questo vale soprattutto per le situazioni di gioco in cui la palla è molto vicina alla propria porta.

Quando sei vicino a un avversario

  • Porta la palla nella direzione opposta per ricercare lo spazio libero.
  • Liberati di lui utilizzando gesti veloci, finte e rapidi cambi di direzione.
  • Se ricevi palla da sinistra, abituati a giocare a destra e viceversa.
  • Tieni la palla sempre vicina al piede.
  • Utilizza cambi di gioco per tramettere il pallone a un tuo compagno lontano.
  • Evita di giocare davanti alla tua porta: perdere il pallone in quella posizione può essere pericoloso.
  • Non passare la palla a un compagno che si trova in una zona affollata: cercane un altro che si trova in spazi liberi.
  • Gioca il pallone a un tuo compagno – in mezzo a due avversari – se è lui che te lo chiede.
  • Dai sempre sostegno e aiuto al compagno che ha la palla.
  • Corri incontro alla palla, non aspettare che questa arrivi da te.
  • Controlla il pallone il prima possibile, altrimenti un avversario potrebbe farlo prima di te.
  • Abbi il coraggio di “puntare” un avversario, quando la situazione lo richiede.
  • Abituati a giocare semplice: è questo il modo di giocare dei più grandi giocatori!

Gli sviluppi di gioco: lo staff di Mental Football li “insegna” così

La tattica è il contesto in cui si svolge la partita. Gli sviluppi di gioco sono parti di essa: strumenti per risolvere problemi che possono coinvolgere un numero variabile di compagni e avversari.

Noi – nel periodo della formazione – li trattiamo così:

Allenare la tattica nella scuola calcio

Principali tattiche individuali per difendere

Ecco alcune semplici accorgimenti per iniziare a comprendere la tattica difensiva.

  • Posizionati sempre tra l’avversario e la tua porta.
  • Cerca sempre di guardare il tuo avversario e la palla.
  • Prova a contrastare immediatamente l’attacco avversario portando pressione immediata a chi ha palla.
  • Non lasciare spazio al tuo avversario: rallentalo quando porta palla in avanti.
  • Cerca sempre di arrivare sul pallone prima del tuo avversario: se non è possibile, stagli addosso per rallentarlo.
  • Lotta su tutti i palloni.
  • Marca il tuo avversario sul lato della palla, ovvero nella direzione verso cui probabilmente trasmetterà il pallone.
  • Quando arriva una palla alta, salta un istante prima del tuo avversario.
  • Non dribblare nei pressi della tua area.
  • Evitare i passaggi orizzontali verso il centro del campo.
  • Evita di lanciare la palla a caso: cerca di costruire da dietro un’azione d’attacco ordinata.
  • Se perdi il pallone, cerca di recuperarlo immediatamente.
  • Non affrontare in contrasto un avversario fino a quando non sei sicuro: il momento esatto è quando rallenta e sposta il peso da un piede all’altro.
  • Non voltare mai le spalle a un attaccante avversario.
  • Porta i tuoi avversari all’esterno.
  • Segui attentamente il gioco, anche se la palla è lontana.
  • Un buon difensore non si arrende mai.
  • Un buon portiere deve comandare nella propria area.

Vuoi qualche suggerimento per aggredire alto ed effettuare azioni di pressing e di pressione efficaci?
>>>CLICCA QUI E GUARDA IL CONTRIBUTO>>>

Il presente articolo è tratto e tradotto dal sito www.grassroots.fifa.com.

Related Posts

Leave a Reply