+39 334 8074306 staff@mentalfootball.it

Scuola di Perfezionamento Mental Football: metodologia e allenamento

E’ un momento molto favorevole per le Soccer Academy e per le Scuole Calcio che offrono corsi di perfezionamento privati a singoli e a piccoli gruppi.
Per lo meno in certe regioni italiane.

Molto spesso esse sono gestite e organizzate da persone davvero competenti.
Alcune volte è del tutto assente un percorso formativo organizzato in progressioni didattiche mirate allo sviluppo del singolo calciatore.

Dal 2013 – io e il mio staff – promuoviamo un metodo di allenamento individuale che poggia su due elementi portanti:

  • addestramento tecnico/motorio;
  • adattamento tecnico/motorio.

Oggi l’allenamento cognitivo va molto di moda: scegli soltanto professionisti preparati.

Cosa succede nella nostra ora di allenamento?
Niente di arcano o magico: te lo descrivo qui, nero su bianco.

Scuola di perfezionamento: cosa facciamo durante l’allenamento?

 

scuola di perfezionamento

Il programma e la filosofia della Scuola di Perfezionamento di Mental Football sono il frutto di un percorso tortuoso e complesso, evolutosi nel tempo.

Il calciatore importante è un atleta, un esecutore impeccabile di gesti tecnici/atti motori che utilizza per risolvere le differenti situazioni di gioco.
Già il “mago” Helenio Herrera – famoso e vincente allenatore dell’Inter degli anni ’60 – considerava il giocatore di calcio come un’unita composta da elementi mentali, fisici, tecnici e tattici.

Chiaramente ciascun calciatore eccelleva in una dote, oppure in un’altra; ma era palese, già 50 anni or sono, che un allenamento – per essere davvero efficace – avrebbe dovuto coinvolgere tutte queste aree.

Area Tecnica e Motoria – Addestramento

scuola di perfezionamento

Nel calcio, così come avviene in tutti gli sport di situazione, la vittoria non è determinata dall’esecuzione perfetta di un gesto tecnico.
Un giocatore può correre in modo “goffo”, ma trovarsi sempre nel posto giusto.
Un tiro in porta può essere stilisticamente malfatto, ma determinare ugualmente la segnatura di una rete.

Una serie di gesti tecnici – o atti motori – eseguiti in modo corretto non è sufficiente a garantire l’esito favorevole di una partita.
Sicuramente avere nella propria squadra dei calciatori con un elevato tasso tecnico aumenta sensibilmente le probabilità di vittoria.
Affinare il controllo del proprio corpo e migliorare il rapporto con l’attrezzo di gioco sono obiettivi primari della nostra Scuola di Perfezionamento.

L’addestramento tecnico/motorio si basa sulla ripetizione del gesto in un regime di alta intensità per limare gli errori di esecuzione e aumentarne l’efficacia.

Coordinazione e controllo motorio vengono curati nel dettaglio durante la prima parte dell’esercitazione motoria.
Nella seconda parte della proposta il movimento diviene risposta a uno stimolo.
Percezione – Analisi – Decisione – Esecuzione Motoria.

Il perfezionamento del gesto tecnico – affinato attraverso la ripetizione ad alta intensità – è l’obiettivo dell’esercitazione tecnica.
In essa una o più gestualità vengono eseguite in modo ripetitivo curando ogni piccolo dettaglio.
Nella seconda parte di tale proposta il gesto tecnico rappresenta la risposta a una situazione di gioco.
Percezione – Analisi – Decisione – Esecuzione Tecnica.

Un’azione coordinata e veloce diventa una risposta efficace quando verrà richiesta dal contesto di gioco.

Area Tattica e Cognitiva – Adattamento

La Tattica di gioco può essere semplicemente intesa come un insieme di risposte – individuali di gruppo – a stimoli ambientali caratterizzanti le varie situazioni della partita.
Tattica è movimento, azione del singolo o collettiva che rappresenta un’interazione del soggetto con lo spazio, con il tempo e con gli altri giocatori coinvolti.

In queste seconde parti delle esercitazioni motorie e tecniche, l’azione stereotipata e affinata in precedenza diviene risposta manifesta a una situazione problematica.
Il giocatore vede uno spazio vuoto da attaccare e lo fa al meglio grazie a una migliore tecnica di corsa.
Il centrocampista percepisce l’arrivo di un avversario e controlla il pallone lontano da lui con un grande controllo orientato.

Qui lo stimolo visivo determina la tipologia di azione da eseguire.

Area Mentale e Relazionale – Motivazione

scuola di perfezionamento

Ansia da prestazione, frustrazione e sofferenza vengono superate attraverso il clima positivo che caratterizza sempre la relazione coach/allievo.
Feedback positivi stretti (es:che bel tiro che hai fatto) incentivano il giovane calciatore a ripetere tali comportamenti efficaci con sempre maggiore frequenza.
Feedback larghi positivi (es: bravo, è così che ci si allena!) contribuiscono alla crescita di autostima e di fiducia in sé stesso.

Gare e giochi aiutano a mantenere livelli elevati di motivazione e intensità nei calciatori più piccini.

Sei un giovane allenatore/preparatore che ha voglia di iniziare un percorso con il nostro staff?

Sei un giovane calciatore che vuole migliorare la propria performance?

Scrivi a info@mentalfootball.com e raccontaci la tua storia di calcio!

Related Posts

2 Responses
  1. Alessio Rotondo

    Buongiorno, sono un allenatore Uefa B che allena in una scuola calcio di Prato. Seguo spesso i vostri articoli e li trovo veramente interessanti. Complimenti.

    Per caso fate anche dei corsi oppure degli interventi in qualche società di zona? In modo da seguire in modo piu appeofondito tale argomento?

    Grazie mille e buona giornata!

    1. Luca Filograno

      Ciao Alessio,
      grazie per il tuo interesse, la tua attenzione e il tuo sostegno.
      Stiamo valutando la realizzazione di un corso, ma siamo solo all’inizio.
      Per qualsiasi necessità contattaci senza alcun problema.

      Buon allenamento.

Leave a Reply