+39 334 8074306 staff@mentalfootball.it

Massoterapia: come recuperare dopo un infortunio

Cos’è la massoterapia?
A che cosa serve?
Enrico Sarli – massofisioterapista, preparatore dei portieri e allenatore di base – sottolinea l’importanza del massaggio sportivo preventivo e per recuperare da un infortunio.


Massoterapia: l’importanza del massaggio sportivo per il recupero della gestualità tecnica

massoterapia

 

 

La massoterapia è ad oggi uno dei trattamenti fisioterapici praticati sulla superficie corporea degli atleti professionisti alle prese con traumi sportivi.
Attraverso il massaggio si cerca di restituire alle strutture lesi o compromessi dal trauma, una buona vascolarizzazione nella muscolatura, l’eliminazione del dolore, spasmi e contratture.

La pratica della massoterapia viene applicata secondo alcuni principali tipologie tra cui il massaggio sportivo in diverse realtà e situazioni.
Nel caso descritto tra le metodologie del massaggio sportivo si è applicato il massaggio di preparazione all’allenamento e il massaggio antifatica.

 

Metodo

L’atleta, trattasi di un semiprofessionista che si accinge al recupero del gesto tecnico, dopo ricostruzione del legamento crociato anteriore, è stato trattato prima dell’inizio di ogni seduta di allenamento con un massaggio di preparazione all’allenamento stesso allo scopo di preparare il fisico alla prestazione tecnico atletica.

Dopo un dosaggio leggero con manualità sfiorante si inizia ad agire energicamente sulle masse muscolari degli arti inferiori usando manovre profonde come l’impastamento e le percussioni.
In particolare viene trattato il quadricipite dell’arto interessato all’evento chirurgico, i flessori e i polpacci muscoli maggiormente sollecitati per una durata di 15 minuti, con questa applicazione abbiamo assicurato un beneficio all’atleta basato sulla prevenzione e preparazione delle strutture muscolari.

Si è ritenuto sottoporre l’atleta ad una seduta di massaggio antifatica, di circa 30 minuti, subito dopo la fine dell’allenamento giornaliero utile per non fare depositare i cataboliti nei tessuti dopo la prestazione fisica cercando di favorirne l’eliminazione con delle manualità profonde ma non energiche e dolorose perchè esiste già nel muscolo una situazione deficitaria di ossigeno.

All’inizio sarà trattata la colonna vertebrale, quindi gli arti inferiori prima posteriormente e poi anteriormente.

 

Conclusioni

Questo proposto è un percorso preventivo e terapeutico che ha consentito all’atleta di aumentare le sue capacità di prestazione rappresentando un ottimo mezzo per superare la fatica e recuperare le capacità lavorative.
Il massaggio sportivo in generale precede le pratiche di riscaldamento e allungamento muscolare con una stimolazione attiva delle funzioni circolatorie ritenute efficaci e preventivi.

Esso ha assunto una larga diffusione:tutte le squadre hanno un massaggiatore sportivo fisso e gli allenatori attribuiscono al massaggio un ruolo importante nel sistema di preparazione degli atleti.


Hai delle domande da rivolgere all’autore?
Scrivile qui sotto!
Enrico ti risponderà quanto prima.

Related Posts

Leave a Reply