+39 334 8074306 staff@mentalfootball.it

Come allenare l’intensità di gioco nel calcio

Settembre è arrivato e porta con se nuova voglia di calcio, nuovi impegni, nuovi tornei e, soprattutto, nuovi allenamenti da inserire in una programmazione ordinata, coerente ed efficace.
Obiettivi, pianificazione e monitoraggio sono le parole chiave per una stagione di grandi successi e di importanti soddisfazioni: come sempre, Mental Football condivide idee e strumenti per ottimizzare le energie.
Scegliendo con cura gli “obiettivi cognitivi” è possibile creare facilmente una seduta di allenamento che davvero agevoli la crescita della squadra e il pieno sviluppo delle potenzialità dei giovani atleti.
Sta per cominciare una grandissima stagione. Chi parte “forte” è già a metà dell’opera.

Come allenare al meglio l’intensità di gioco durante il periodo formativo?
Quali mezzi tecnici possono essere utilizzati?
Come allenarsi per diventare un campione?

Anticipo e Contrasto: gli strumenti di un campione di intensità.

Fabio Cannavaro iniziò nel settore giovanile del Napoli, la squadra della sua città.
Esordì in Serie A il 7 marzo 1993 a 19 anni nella sconfitta per 4-3 a Torino contro la Juventus.
Nel ruolo di difensore fin dagli esordi mostrò le sue caratteristiche di anticipo, chiusura e capacità di rilanciare l’azione.
Così, già dalla stagione seguente diventa uno dei punti di riferimento della difesa partenopea, affiancando il suo modello Ciro Ferrara [Massimo Donaddio, Pallone d’Oro a Cannavaro: «Lo dedico ai ragazzi di Napoli», Il Sole24Ore, 27 novembre 2006].

Considerato come uno dei migliori difensori centrali del mondo, nel 2006 è stato campione del mondo con la Nazionale italiana, della quale ha detenuto il record di presenze dal 2009 fino al 2013 (136), superato poi da Gianluigi Buffon, e della quale è stato il capitano dal 2002 al 2010. È inoltre il giocatore con più presenze da capitano nella Nazionale (79).

Ha vinto l’edizione 2006 del Pallone d’oro (uno dei 5 italiani ad essere stato premiato assieme a Omar Sívori, Gianni Rivera, Paolo Rossi e Roberto Baggio), premio istituito dalla rivista francese France Football e attribuito al miglior calciatore militante in una squadra iscritta all’UEFA, in seguito ai voti di una giuria composta da giornalisti specializzati.
Fabio Cannavaro è stato l’ultimo calciatore italiano in ordine cronologico a vincere il premio del pallone d’oro. Nel dicembre dello stesso anno è stato eletto FIFA World Player come miglior calciatore dell’anno in assoluto, scelto in base ai voti dei Commissari Tecnici e dei Capitani delle Nazionali di calcio. È stato inserito nella squadra ideale del decennio dal Sun nel 2009.

Analisi di un Campione

Intensità di gioco
Le sue doti principali erano la capacità di anticipo, la concentrazione, il dinamismo, la leadership e la precisione negli interventi in scivolata; notevoli anche la tecnica, la velocità e l’imponenza nello stacco di testa, nonostante la non eccelsa statura [Fabio Cannavaro, wikipedia].
Fabio Cannavaro racchiudeva in sé tutte le capacità del difensore perfetto: era in grado di analizzare in modo meticoloso e completo i dati relativi allo spazio e al tempo, in modo da trovarsi sempre nel posto giusto al momento giusto, per poi attivare le sue grandi abilità tecniche e difensive.
Il suo “computer di bordo” triangolava le informazioni che recepiva dall’ambiente per calcolare con estrema precisione la traiettoria aerea di un pallone o la corsa di un avversario.

Allenare l’intensità con Mental Football

Rappresentazione spaziale, lettura delle traiettorie e intensità di gioco: capacità cognitivo/percettive che Mental Football ha trasformato in obiettivi di crescita per giovani calciatori.

Ogni seduta di allenamento Mental Football si poggia su tre elementi essenziali:

  1. la scelta dell’obiettivo cognitivo di seduta e i parametri ( categoria, spazio disponibile, numero partecipanti, mezzo tecnico da impiegare);
  2. la struttura di allenamento Globale – Analitico – Globale
  3. l’utilizzo delle migliori esercitazioni propedeutiche all’obiettivo selezionato, adottando una comunicazione adeguata.

Qui di seguito una proposta di allenamento per Scuola Calcio.

Esercitazione Globale – 2contro1 + portieri

Descrizione e regole
VIDEO al minuto 3’20”. Semplice situazione di gioco di 2vs1 con due portieri a difesa di due porte.
Feedback e comunicazione
La situazione di 2vs1 è la “base” della superiorità numerica; è la situazione che più si verifica durante una partita. Se la si percepisce prima degli altri e se la si risolve nel modo corretto, si ottengono importanti risultati. I feedback e le correzioni di questo esercizio devono essere principalmente rivolti sulle modalità di risoluzione del 2vs1 (collaborazione, posizionamento corretto del compagno senza palla, comunicazione non verbale). L’intensità elevata della proposta la rende estremamente efficace e completa.
Materiali
Porte, palloni, segnalatori e casacche.

Esercitazione Analitica – Gesto di schiena e 1contro1

Descrizione e regole
Spazio di gioco di metri 30×15 circa.
Due componenti di una squadra si trasmettono il pallone fino a quando quello con le spalle alla porta decide di effettuare un controllo orientato in uno dei due passaggi che ha alla sua destra o alla sua sinistra (cancello BLU, cancello GIALLO); quando questi decide di utilizzare uno dei due passaggi per andare a segnare un gol, immediatamente l’altro compagno deve cercare di fermarlo, attraversando l’altro passaggio, non utilizzato dal portatore.
Si creano delle coppie (o anche due squadre e si creano coppie con due giocatori avversari) e vince il singolo (o la squadra) che riesce a segnare più reti.
Feedback e comunicazione
Esercitazione prevalentamente utile all’allenamento del tempo di reazione, all’intensità e rapidità di esecuzione del gesto tecnico e alla situazione di 1contro1.
L’inseguitore è chiamato ad attivarsi nel minor tempo possibile, non appena il compagno/avversario decide di attraversare un passaggio; l’intensità di gioco è garantita dal costante inseguimento che la struttura dell’esercitazione permette di creare.
La proposta, molto ben strutturata, non necessità di correzioni particolari standard; l’importante è proporle sempre in modo che siano correlate all’obiettivo di seduta.
Materiali
Segnalatori, casacche, porta grande, palloni.

Esercitazione Globale – “NcontroN” a quattro porte back to back

Descrizione e regole
Spazio di gioco d metri 20 per 20 circa, video dal minuto 1’40”.
Due squadre si posizionano inizialemente sullo stesso lato, come rappresentato in video/immagine.
Quando il formatore trasmette il pallone all’interno dello spazio di gioco dice un numero, che rappresenta il numero di giocatori per squadra coinvolti nella mini partita; i primi “N” componenti di cascun gruppo si attivano e iniziano la partita.
Le squadre devono cercare di impossessarsi del pallone e cercare di segnare una rete in una delle quattro porte “back to back”, posizionate al centro del campo, a distanza di circa 6 metri tra coppie.
Vince la squadra che al termine dell’esercitazione ha segnato più reti.
Feedback e comunicazione
Esercitazione globale propedeutica allo sviluppo di numerose capacità cognitivo/percettive e abilità tecnico/motorie.
Feedbacks e correzioni del formatore sono rivolte in larga parte all’obiettivo principale di seduta scelto. E’ importante sollecitare i componenti della squadra in attacco a “vedere” la direzione di provenienza della pressione del difensore e decidere rapidamente e in sinergia lal strategia da adottare. Se in una zona sono presenti molti avversari a difesa di una/due porte, sicuramente ci sono altri spazi e altre porte incustodite in un’altra zona del campo. Una proposta di allenamento ad “alta intensità”.
Correzioni poste in forma interrogativa aiutano il giovane calciatore nel formulare pensieri autonomi e indipendenti.
Materiali
Segnalatori, porte small, casacche e palloni.

 

Pensa come sarebbe bello poter fare tutto questo direttamente dal tuo smartphone…
Selezionare il tuo obiettivo di seduta e i tuoi parametri per poi scegliere le esercitazioni più adatte dalla tua squadra in pochi secondi!

Non perdere questa possibilità!
Iscriviti gratuitamente su www.mentalfootball.com!

E’ in arrivo Mental Football Assistant! Il tuo “vice allenatore” fedele, pratico, competente.

 

Related Posts

1 Response

Leave a Reply