+39 334 8074306 staff@mentalfootball.it

Superiorità numerica: proposte “dai pulcini ai Senior”

La superiorità numerica è un situazione essenziale nel calcio, in quanto è presente costantemente: in questo articolo viene proposta una progressione didattica attenta al periodo evolutivo dei partecipanti.

Si gioca 11vs1, 9vs9, 7vs7, 6vs6 o 5vs5, ma solo un attimo prima del fischio di inizio; solo nel momento in cui le due squadre fanno il loro ingresso in campo.

La partita vera e propria, ogni momento di essa, sviluppa situazioni diverse e anomale di disparità numerica: il giocatore evoluto e intelligente è in grado di riconoscerle, di interpretarle e di svilupparle per trarne proprio vantaggio.

Può verificarsi una transizione positiva che sviluppi un veloce 3vs2, una sovrapposizione che crei un 2vs1 esterno o che una coppia di centrali percepisca e risolva una situazione di 2vs1, utile per guadagnare spazio e campo, come mostrato in figura.

Superiorità Numerica
2vs1 per “guadagnare campo”

Allargando un po’ il “campo visivo”, ecco che il 2vs1 indicato sopra, può essere interpretato come 3vs1, se si aggiunge il difensore più arretrato.

La situazione di 2vs1 è utile per avvicinarsi alla porta avversaria, mentre il 3vs1 può essere interpretato e risolto per mantenere il possesso della palla in attesa delle condizione ottimale per sviluppare un’azione d’attacco.

Il 2vs1 è la situazione di superiorità numerica che più frequentemente si verifica in partita: circa 900 situazioni per gara.

Il calciatore intelligente non è solamente in grado di risolverla a proprio vantaggio, ma è soprattutto in grado di riconoscerla o, meglio ancora, di crearla intenzionalmente.

Cosa serve una sovrapposizione esterna se poi il portatore e chi gli da appoggio non agiscono in sinergia? Quante volte è capitato di vedere un movimento di sovrapposizione fatto così, senza alcun riferimento alla situazione? Quale devono essere i comportamenti “sinergici” dei due calciatori?

E’ possibile preparare i nostri piccoli calciatori a riconoscere situazioni di superiorità numerica, di risolverle a proprio vantaggio e, cosa molto più importante, di anticiparle mentalmente e crearle autonomamente.

Mental Football propone in questo articolo una progressione didattica per l’allenamento della superiorità numerica, durante i diversi anni del periodo della formazione: l’obiettivo è sempre lo stesso, ma le proposte e le modalità di comunicazione variano in base all’età degli “allenati”.

Suddividendo il periodo formativo in quattro “grandi contenitori”:

  1. Kids: 2vs1 finalizzato al tiro in porta.
  2. Soccer School: percezione della superiorità numerica – creare il “2vs1 in una situazione di 3vs2”
  3. Youth: 2vs1 multiplo + passaggio al terzo uomo
  4. Senior: Percezione della superiorità e dello spazio vuoto per il mantenimento del possesso.

Condivi i tuoi pensieri, commenti, proposte e varianti al fondo di questo articolo.

Se ti interessa ricevere gratuitamente gli aggiornamenti, inserisci la tua mail su MENTAL FOOTBALL.


Kids: 2vs1 finalizzato al tiro in porta


 

Soccer School: percezione della superiorità numerica – creare il “2vs1 in una situazione di 3vs2”

Questo video descrive una seduta di allenamento: l’esercitazione inerente alla superiorità numerica comincia a 2’13”.


 Youth: 2vs1 multiplo + passaggio al terzo uomo.

Nove partecipanti, suddivisi in tre gruppi con tre casacche diverse: l’esercitazione comincia con la squadra BLU che supera in 2vs1 il difensore della squadra VIOLA. Fatto ciò, oltrepassati i segnalatori gialli, trasmette il pallone con il terzo giocatore BLU che la consegna ai ROSSI. Il terzo uomo BLU diventa difensore contro squadra ROSSA. I ROSSI fanno la medesima cosa per portare palla alla squadra VIOLA in attesa.

Superiorità numerica
Fig.1 – 3 squadre di 3 partecipanti, 3 colori
Superiorità numerica
Fig.2 – 2vs1 e passaggio al terzo uomo
Superiorità numerica
Fig.3. – ROSSI attaccano la nuova squadra VIOLA

Senior: Percezione della superiorità e dello spazio vuoto per il mantenimento del possesso.

 

 

 

 

 

 

Related Posts

Leave a Reply